Viaggio in Andalusia
palacio de los leones
Palacio de los Leones: sono qui alcune tra le più belle sale dei Palacios Nazaries

Il Palacio de los Leones: benvenuti nel cortile più famoso dell’Alhambra

L’immagine del Patio de los Leones è una tra le più famose e rappresentative di tutta l’Alhambra, e difficilmente dimenticherai il primo momento in cui vedrai questo cortile fuori dal tempo. Tuttavia non tutti sanno che il Patio de los Leones fa parte dell’omonimo Palacio de los Leones, suddiviso in 4 sale, una più bella dell’altra: due di queste erano spazi di rappresentanza, mentre le restanti erano adibite a residenza privata dei sultani (quella estiva era nascosta tra i giardini del Generalife). Incontrerai questo palazzo all’interno dei Palacios Nazaries, dopo aver ammirato il Mexuar e le sale del Palacio de Comares.

Imitazioni italiche...
Per capire l’incidenza estetica di questo magnifico spazio sull’immaginario comune e sulla storia dell’architettura basterà citare la Rocchetta Mattei di Riola (Bologna), uno dei pochi esempi di architettura eclettica-neomoresca in Italia insieme al castello di Sammezzano (Reggello, in provincia di Firenze): all’interno della Rocchetta si trova una replica del patio, una sorta di tributo a uno dei capolavori dell’architettura e della decorazione andalusa.

Ecco le sale nel dettaglio:

Mappa del palazzo

Sala de los Mocàrabessala de mocarabes

Il primo spazio di rappresentanza che incontriamo è questa stanza, che possiamo definire come una sorta di reception per il palazzo. Vi si accede da tre grandi archi decorati, che non solo portano all’interno decorazione ed illuminazione, ma forniscono anche da dentro una bella prospettiva del patio.

Dall’arabo Muqarbas, il nome della stanza è dovuto alle decorazioni del soffitto, purtroppo ora andate perdute. Queste decorazioni, come piccole stalattiti poste solitamente nelle arcate o nelle cupole, sono però ancora visibili in altre stanze del palazzo.

Per non farsi trovare impreparati...
Se non vuoi perderti per nessuna ragione al mondo queste sale, ricordati di prenotare con largo anticipo i biglietti! Leggi il nostro articolo con tutti i prezzi dell’Alhambra, le modalità di prenotazione e altre info utili alla visita.

Patio de los Leones

patio de los leones

Se ti eri impressionato a vedere i patii precedenti, rimarrai letteralmente a bocca aperta entrando nel Patio dei Leoni, dove sarai indeciso se soffermare lo sguardo sulle 124 colonne di marmo finemente decorate, sul complesso sistema di canali d’acqua o sulla fontana sorretta dai 12 leoni al centro del cortile. Una cosa è certa: immediatamente ti apparirà chiaro perché nei secoli si è sentita l’esigenza di difendere questo luogo magico con gli invalicabili bastioni dell’Alcazaba.

Come il palazzo precedente, anche in quello dei leoni tutto ruota intorno al patio. Dal portico si accede alle stanze laterali, poste su due piani. Si può dire che la fontana dei leoni e il patio che la racchiude sono, in scala ridotta, rappresentativa di tutta la concezione tecnica che permise la creazione dell’Alhambra: eredità di tradizioni ed esperienze dilatata nei secoli con feconda creatività. Sui leoni ed il loro significato, si sono sviluppate nei secoli numerose leggende. La teoria più probabile, è che rappresentino le 12 tribù di Israele.

Sala de los Abencerrajesalon de Abencerraje alhambra

Divisa in due locali, il soggiorno e la camera da letto, questa stanza prende il nome dalla famiglia araba Ben-Serragh ed è uno de luoghi in cui possiamo godere davvero della spettacolarità dei mocàrabes. Se già sono belle la fontana dodecagonale e gli archi laterali, alzare gli occhi alla cupola te li farà strabuzzare. A forma di stella a otto punte decorata con queste piccole stalattiti, è appoggiata su otto sporgenze, anch’esse decorate allo stesso modo, tanto da sembrare sospese in aria, con l’impressione che la cupola si sostenga da sola senza avere punti d’appoggio.

Sala de los Reyes

sala de los reyes alhambra

La sala dei re è uno spazio di riposo, strutturato attorno ad un grande vestibolo lungo più di 30 metri. Lo spazio è diviso in tre alcove coperte da cupole e separate l’un l’altra da archi decorati ancora con la tecnica dei mocàrabes.

Le tre false volte ospitano pitture su cuoio di uno stile molto differente da quello dei locali circostanti. Una pittura che riporta al gotico nell’uso delle linee e dell’oro, ma anche allo stile trecentesco, tanto nei lineamenti dei personaggi quanto negli abiti fiorentini. Questo misto si deve ad artisti cristiani conoscitori del mondo musulmano, capaci di unire l’estetica italiana con quella islamica.

Nelle volte laterali, è probabilmente rappresentata una storia romanzesca medievale, in cui alcuni cavalieri cristiani e musulmani si impegnano in diverse prove per ottenere i favori di una dama. La volta centrale è quella da cui prende il proprio nome la sala: sono qui rappresentati dieci personaggi enigmatici, a lungo considerati sultani. Ora però sembra più probabile che la scena rappresentata sia una riunione di notabili.

Sala de las dos Hermanas

sala de las dos hermanas alhambra

La sala delle due Sorelle è il locale principale della seconda residenza del palazzo dei Leoni. La struttura è molto simile a quella della Sala de Abencerraje, sormontata da una grande cupola ancora una volta meritevole di molti minuti di ammirazione. Appena entrati dall’unica porta (merita soffermarsi sugli intarsi di quest’ingresso), a destra e sinistra si sviluppano corridoi che portano alle stanze del piano superiore e al bagno. Le due sorelle non sono donne, ma pezzi di marmo: le due lastre che vedrai accanto alla fontana centrale, uguali per dimensione, colore e peso.

Consiglio
In fondo alla sala potrai soffermarti ad ammirare il panorama dal Mirador De Daraxa o De Lindaraja (adattamenti dall’arabo Al ‘Ayn Dar Aisa: gli occhi della casa di Aisa). Qui si legge incisa la poesia “Io sono di questo giardino l’occhio fresco […] In me si vede Granada, dal suo trono”. Nella stanza ci sono varie altre poesie, che ti invito a cercare e leggere.

Non appena uscito dal palazzo, potresti pensare che sia la fine di un sogno. Beh, ci sarà El Partal a farti cambiare idea!

Dove dormire?

Non dimenticare di leggere i nostri consigli su dove dormire a Granada, sia che tu abbia deciso di trovare alloggio nei prestigiosi hotel dell’Alhambra, sia che tu voglia stare in uno degli altri quartieri vicini alla collina.

Hotel vicino all’Alhambra

Hotel sulla collina dell’Alhambra

Altri link utili

 

Andrea Cuminatto

Andrea Cuminatto

Giornalista e viaggiatore. Parlo spagnolo, inglese e sto imparando il russo. Ho vissuto un periodo in Spagna (Madrid e Granada) e girato quasi tutta l'Europa zaino in spalla. Più che vedere i luoghi, amo conoscere chi li abita ne racconto qualcosa anche sul mio blog

Guida alla ricerca dell’alloggio

Guida al Noleggio Auto

Guida alla ricerca del volo

Feste ed Eventi in Andalusia

andalusia feste ed eventi

Pronti a scoprire le ferie tradizionali e tutti gli eventi e festival che si tengono in Andalusia ogni mese?

Tour Andalusia: come organizzare un viaggio nel sud della Spagna

Tutti gli strumenti necessari a organizzare in completa autonomia un tour in Andalusia on the road. Troverete informazioni dettagliate su come spostarsi, quando andare, quanto tempo dedicare alle singole tappe, e molti altri suggerimenti che vi renderanno più semplice la pianificazione di un viaggio in Andalusia…